[Gallery] Titanic, raccontato da un’altra angolazione

Come hanno vissuto i passeggeri del Titanic il loro viaggio inaugurale prima che la nave affondasse?



Il Titanic era gestito dalla White Star Line. La compagnia di navigazione, scomparsa negli anni ’30, voleva assicurarsi che i passeggeri del Titanic ricevessero il più alto standard di servizio. La posizione di ogni classe di viaggiatori è stata ben pensata. Non si trattava di lasciare che i bambini urlassero, gridassero e corressero nelle aree di relax. Per quanto riguarda i più anziani, avevano i loro svaghi e le loro attività.

Jack Thayer alias John B. era uno dei sopravvissuti all’affondo della nave. All’epoca aveva solo 17 anni e fece il viaggio con sua madre. Sua madre sopravvisse all’affondamento della nave, essendo riuscita a salire in tempo su una scialuppa di salvataggio. Per quanto riguarda il vero Jack, ha trovato un altro modo per uscire dalle acque gelide dell’Antartide.

John Thayer ha scritto un libro sul Titanic

Jack Thayer ha scritto un libro sulle sue esperienze sul Titanic. Ecco un passaggio del suo libro: “Siamo andati nelle nostre cabine alle 18.30 circa per vestirci per la cena. Mio padre e mia madre erano invitati a cena quella sera, così ho cenato da solo al nostro solito tavolo.

Seguendo questo scritto, Jack Thayer e i suoi genitori avrebbero viaggiato in 2a o 1a classe. La seconda ipotesi sembra piuttosto plausibile, dato che solo i passeggeri di prima classe potevano permettersi di cenare nella stravagante sala da pranzo del Titanic.

Questi ultimi hanno apprezzato le esibizioni dell’orchestra e l’ambiente lussuoso della sala. La sala da pranzo presentava mobili in legno massiccio intagliato e altre forniture e attrezzature costose.